lunedì 2 marzo 2015

Lavori di fine inverno...



Rizoma di Sarracenia purpurea che lascia intravedere il fiore


Ripresa vegetativa in Dionaea muscipula, con le trappole nuove al centro della rosetta
 
Ricordo che l'ultima parte dell'inverno è il periodo ideale per i rinvasi delle piante carnivore (Dionee, Sarracenie);
se si trovano in vasi troppo stretti, conviene sostituirli, cambiando anche buona parte del vecchio substrato.

Rizoma di Sarracenia opportunamente ripulito e pronto per il reinvaso
Spuntano i primi fiori...





















E' anche possibile propagare per divisione le piante che si sono espanse creando nuovi punti di crescita dotati di una quantità sufficiente di radici proprie.
 
Come si presenta una sarracenia appena rinvasata

Nel corso del riposo vegetativo molte foglie-trappola disseccano perdendo la loro funzionalità; queste dovranno essere rimosse, tagliandole fino ad un punto ancora in buono stato.

E' molto importante la 'pulizia' delle piante onde evitare l'insediarsi di funghi, avvantaggiato anche da ristagni d'umidità.

Attacco di botrite su Drosera capensis

L'acqua, fino ad ora eliminata dai sottovasi a causa del gelo, andrà reintrodotta non appena le piante accenneranno segni di ripresa vegetativa. Il substrato va comunque mantenuto umido per tutto il riposo vegetativo.

Spuntano i primi boccioli di Sarracenia

Come ogni primavera si ripropone il dilemma riguardo i fiori: lascio fiorire o taglio il fiore?  Per regola, non andrebbero lasciate fiorire le piante troppo giovani, deboli o recentemente svasate, per evitare ulteriori stress che comportano, in seguito, stasi vegetative.




Nessun commento:

Posta un commento